AC/DC ad Imola 2015: recensione sincera di una giornata storica

.

­

Foto di Michele Aldeghi

Foto di Michele Aldeghi

Recensione di Gabriele Temporiti – Staff AC/DC Italia
gabriele@acdc-italia.com<

Ci abbiamo messo quasi una settimana tra stesura ed impegni vari. Lo sapete anche voi: su AC/DC Italia non trovate recensioni sommarie, di parte e di come potete trovarne su altre decine di siti musicali. Quelle si fanno in mezzora, ed è quasi ovvio trovarle poche ore dopo lo show. Qui si scrive per i FAN, si lasciano perdere le frasi fatte, si analizza cosa è andato bene e cosa no, perchè siamo noi i primi a voler leggere qualcosa del genere su un portale esclusivamente dedicato alla band che tanto amiamo. E se vi ritrovate nelle nostre righe, condivitela con i vostri amici qui su Facebook. Buona lettura a tutti.

Il concerto è terminato da una decina di minuti e, uscendo un paio di canzoni prima del classico inno finale “For those about to rock”, riesco a schiarirmi le idee per buttar giù due righe al computer in macchina, mentre aspetto Marco. Forse per ancora un bel po’ di tempo, prima che le uscite si sblocchino dal fiume di gente che ha letteralmente riempito ed invaso l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Un 9 Luglio storico, oltre che esserlo per il 69esimo compleanno di Bon Scott.

A parte il passabile DJ set con qualche speaker che augura a Malcolm un imbarazzante “guarisci e torna presto” (non male per IL “media partner” che a suo tempo aveva diffuso la notizia), ed il patetico “Happy Birthday” lanciato dal palco, degno delle migliori discoteche – avremmo preferito invece qualche gruppo aggiuntivo – l’atmosfera era palpabilmente rovente sin dalle prime ore del pomeriggio, così come la temperatura, l’asfalto e circa il 95% dello spazio destinato allo show esente da ombra. Una location in grado di ospitare 92.000 persone per il concerto dell’anno, così viene annunciato in via ufficiale. Se ci sono sembrate qualcosa in più, non ne avremo mai la conferma.

Caratteristico l’ingresso da Ponte Dante (quello da noi utilizzato) che, lungo una serpentina di transenne disposte sul tragitto verso la porta principale, indirizzava ai gate di entrata in maniera ordinata camminando sullo storico rettilineo della pista, per poi affiancare i paddock prima di arrivare alla collinetta Rivazza sulla destra, purtroppo completamente esposta al sole e con visuale non proprio comoda ed ottimale: il palco era piuttosto lontanuccio. Unico pregio, il “panorama” di persone, luci e corna rosse pulsanti deve essere stato davvero suggestivo e da togliere il fiato.

Passato il DJset (termine che poco c’azzecca con un concerto Rock’n’Roll), è il turno degli americani Vintage Trouble. Forse il pubblico è stato un po’ freddo nelle retrovie all’inizio, ma è durato poco: la band di Los Angeles ha saputo comunque scaldare a dovere i presenti, peccato solo per il cantante Ty Taylor non al massimo della forma: nelle altre date a cui abbiamo assistito la sua performance è sempre stata potente sin dai primi secondi dopo l’ingresso sul palco. Pazienza, capita.

Finito il loro set gli AC/DC hanno cominciato leggermente in ritardo rispetto al loro consueto orario di ingresso in scena. Ci domandiamo se sia stato un caso, in Italia. Sono oramai le 21:20 quando le luci si spengono e comincia il filmato introduttivo. Si leva un boato di liberazione che sicuramente ha cancellato a molti fatica ed ore di attesa sotto il sole in pochi secondi. Parecchie persone assistevano per la prima volta ad un concerto degli AC/DC ed abbiamo percepito un’emozione assolutamente palpabile tra gli utenti incontrati in mezzo alla folla. E’ stato curioso anche vedere, a differenza delle altre date europee a cui abbiamo assistito, di come ci fossero tante persone senza una maglia della band. Segno, forse, di come il gruppo sia ulteriomente diventato qualcosa di realmente universale, per tutte le età e forse anche di “moda” per qualcuno. Insomma, siamo convinti che parecchia della gente presente sia andata anche a vedere un concerto di Jovanotti o Vasco di recente senza batter ciglio o ferirsi l’orgoglio, quando poco più una decina di anni fa poteva sembrare una bestemmia. Oramai gli AC/DC sono di tutti, che piaccia o meno. Anche di chi usa il loro nome a gran voce per farsi pubblicità, purtroppo. Le tanti mani alzate dopo la domanda “Chi vedrà per la prima volta la band dal vivo stasera?” posta durante il DJ set ce lo ha fatto capire chiaramente.

Foto di Michele Aldeghi

Foto di Michele Aldeghi

Passiamo allo show: non ci sono state novità riguardo la scaletta proposta. La band è sembrata comunque in forma, anche se in alcuni frangenti il caldo si faceva sentire, soprattutto per Brian (performance leggermente al di sotto del concerto di Wembley di qualche giorno prima) mentre Angus, sempre impeccabile, grondava litri di sudore fin dalla prima canzone di apertura “Rock or Bust”. Le pause leggermente più lunghe del solito e le scarse presentazioni dei brani probabilmente sono state un’abile mossa per recuperare un po’ di fiato.

Prima di proseguire però, concedetemi solo una piccola riflessione fuori dal contesto “prestazione”: che gusto si ha ad assistere al primo concerto degli AC/DC della propria vita guardandolo attraverso lo schermo del telefonino? Così, per sapere.

_DSC6668_aaa

Torniamo all’esibizione. Slade decisamente rodato rispetto all’inizio del tour, Steve perfettamente amalgamato da tempo e Cliff sempre perfetto. Inutile dirlo, le canzoni che hanno infiammato la maggior parte dei presenti sono state le hit assolute come la seconda “Shoot to thrill” (introdotta come di consueto con un “Come stai IMOLA, bene?”), “Back in Black”, “Thunderstruck”, “Hells Bells”…delle quali venivano cantati a gran voce tutti i versi, dalla prima all’ultima parola. Per le meno note (si fa per dire), “Sin City”, “Have a drink on me” o anche la recente “Play ball”, invece la giusta partecipazione. Qualche svista di Brian su “High Voltage” e problemi tecnici per Angus sulla conclusiva “For those about to rock”. Di seguito la setlist completa:

1. Rock or Bust
2. Shoot to Thrill
3. Hell Ain’t a Bad Place to Be
4. Back in Black
5. Play Ball
6. Dirty Deeds Done Dirt Cheap
7. Thunderstruck
8. High Voltage
9. Rock ‘n’ Roll Train
10. Hells Bells
11. Baptism By Fire
12. You Shook Me All Night Long
13. Sin City
14. Shot Down in Flames
15. Have a Drink on Me
16. TNT
17. Whole Lotta Rosie
18. Let There Be rock
19. Highway to Hell
20. For Those About to Rock

C’è da ammettere che dalla nostra posizione l’audio non era un granchè, anche se tale affermazione andrebbe presa con le pinze, visto che eravamo piuttosto decentrati e praticamente di fronte al diffusore-ritardo posizionato a destra, guardando il palco. La voce di Brian andava e veniva, così come il giusto bilanciamento delle chitarre, per quel che possiamo far notare.

Foto di Michele Aldeghi

Foto di Michele Aldeghi

Ad ogni modo è palese, osservando per l’ennesima volta il gruppo, che Angus si riconferma il nuovo leader, il responsabile, quello che ha in mano il futuro e le decisioni della band. Niente è più escluso, nemmeno un nuovo album o un prolungamento del tour. A 60 anni suonati è ancora irrefrenabile, una forza della natura a tratti inspiegabile per le quasi due ore di durata dello show. Monumentale l’assolo sulla passerella/piattaforma in “Let there be rock”, probabilmente il migliore a cui abbiamo mai assistito. Una goduria per gli occhi e per l’udito vedere la sua faccia divertita, il continuo aizzare il pubblico portandosi la mano all’orecchio, e nel frattempo sentirlo lasciarsi andare in una miriade di note sul manico della sua GibsonSG nera. Altro dettaglio: su High Voltage (con tanto di consueto incitamento di Brian al pubblico per urlare “Malcolm Young” durante l’intermezzo alla “Live at Donington” – chi ci ha fatto caso?) nuovamente sfoggiata la SG sfumata arancione, come già successo diverse volte in questo tour. Da Highway to hell invece imbracciata la mitica “custom” nera con battipenna bianco di “Let there be rock: the movie”.

_DSC6319_aaa

Qualche parola in più andrebbe spesa per parlare dell’organizzazione dell’intero evento. Parto con il dire che la cosa non deve essere comunque stata a priori una passeggiata, per il promoter: non oso immaginare la miriade di variabili da considerare per mettere in piedi un evento del genere, che tutto sommato si è svolto in maniera positiva nell’arco della giornata. Peccato solo per le enormi difficoltà incontrate dalla gente nell’uscire una volta terminato lo spettacolo, che hanno lasciato davvero l’amaro in bocca ad una quantità non indifferente di persone. A neanche 24 ore dal termine le lamentele sui vari social network erano già parecchie, cosi come le descrizioni di vari episodi spiacevoli ed antipatici che, se evitati, avrebbero reso questo “AC/DC Day” davvero memorabile in tutto e per tutto, come sarebbe dovuto essere. Per noi non ci sono scuse: non è normale che da un concerto si torni a casa alle 8 di mattina, quando invece a quell’ora ci si sarebbe dovuti svegliare dopo un sonno di diverse ore per andare al lavoro.

Questione sicurezza: personalmente ho abbandonato lo spiazzo dedicato al concerto al termine di Let there be rock e, essendo rimasto nella stessa posizione per tutta la durata dello show, non mi ero reso ancora conto di quanta gente fosse realmente presente anche nelle retrovie, e della notevole difficoltà per fare anche 20 metri verso l’uscita (molti parlavano invece di un pit con ancora tanto spazio disponibile). Un’uscita che non riuscivo neanche a distinguere, mentre immaginavo cosa sarebbe potuto succedere in caso di episodi che avrebbero potuto scatenare il panico fra i presenti, oppure nell’eventualità di un malessere improvviso di qualcuno lì in mezzo. E così sono sicuro han ragionato molti dei presenti con un minimo di buon senso – gli altri si rileggano cosa successe al concerto di Salt Lake City, nel 1991. Mi spiacerebbe pensare che solo i soldi siano stati il principale motivo per mettere in piedi un evento del genere, e confido nella reale intenzione degli organizzatori di aver voluto dare più possibilità per far ammirare gli AC/DC dal vivo a chi ancora non ci era riuscito prima.

Foto di Michele Aldeghi

Foto di Michele Aldeghi

In 3 abbiamo circa 100 concerti della band sulle spalle ed abbiamo vissuto qualsiasi contesto per un loro show, per cui di esperienza, senza peccare di vanto, possiamo dire di averne almeno un po’. E mai un deflusso così caotico e biblico si è mai verificato. Nè in Inghilterra, nè in Argentina, nè in Giappone. Non si sono mai visti così tanti bagarini. Non si sono mai visti cosi tanti venditori ambulanti di bibite e birra ad intralciare le uscite (parliamo anche dei panini “regolari” venduti a 7 euro?). Siamo sempre usciti dalle varie location in poco più di un’ora – traffico compreso – in modo perfettamente organizzato, civile e non caotico. Ora, che il problema si sia chiamato polizia locale, segnaletica stradale, scelta della piccola città di Imola rispetto al quantitativo di gente presente non è identificabile in maniera chiara ed immediata. O forse era semplicemente responsabilità del promoter assicurarsi che tutto sarebbe dovuto funzionare a dovere e prevedere tutti questi inconvenienti? Tali riflessioni non ci discostano dalla personale conclusione che l’Autodromo di Imola sia stata la peggior venue di sempre per un concerto degli AC/DC.

In sintesi a tutto ciò, il mio modesto/nostro parere è quindi quello di preferire sicuramente uno stadio o una città/struttura meglio gestibile per eventi del genere, anche se ciò va a discapito del numero di numeri di ingressi possibili. Al giorno d’oggi organizzare una trasferta all’estero non implica costi troppo più alti che farne una in Italia, ovviamente per chi deve affrontare in ogni caso distanze non indifferenti e può programmarla con un certo anticipo.

Infine, non giustifichiamo assolutamente qualche commento letto fra le centinaia nella nostra pagina su Facebook, che sosteneva tutto questo disguido qualcosa da accettare “perchè Rock’n’Roll”. “Rock’n’Roll” si chiama anche il rispetto per chi spende fino a 94 euro, se non di più per vie traverse, per assistere al più bel concerto della propria vita. “Rock’n’Roll” si chiama il diritto di aver garantiti sicurezza, soccorso e disponibilità e cortesia dello staff fino alla fine dello spettacolo. “Rock’n’Roll” è andare all’estero facendo sacrifici anche solo una volta, vedere un loro show e comprendere come in Italia le cose si ostinino ad essere sempre “diverse”, spesso in negativo. “Rock’n’Roll” è comunque anche l’amore che, per fortuna, abbiamo comunque dato agli AC/DC in un giorno che entrerà per sempre nella storia musicale del nostro paese. E’ l’unica cosa che riusciremo ancora a garantire la prossima volta? Speriamo tanto di no.

Un ringraziamento speciale va a Michele Aldeghi per le fotografie presenti in questa pagina.

Gabriele
gabriele@acdc-italia.com

Condividi questo articolo su...
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Share on TumblrEmail this to someone
shop_new_home
© Riproduzione riservata | acdc-italia.com

Di' la tua su questo articolo:

Comments

  1. Marooned hopes says:

    Bella recensione, ci siamo dimenticati dei bagni che mancavano vicino al palco …. Per me è stato il mio primo concerto degli ac dc ma li ho amati e ascoltati sempre durante la mia adolescenza e ho cantato “Sin city” e “High voltage” conoscendo ogni strofa :) sono la mia band del cuore ma apparte ciò, l’organizzazione non era delle migliori, ogni ora c’era un sole che spaccava le pietre e questo ha permesso di avere un malore sia a me sia al mio ragazzo … erano vietati gli ombrelli e non c’era un filo d’ombra. .. mentre lontano dal palco c’era l’acqua che veniva “sparata” per rinfrescare la gente, vicino dal palco tiravano delle goccioline che raramente riuscivano a colpirmi. .. per questo motivo nonostante mi sia svegliata alle 4 della mattina ho perso il mio posto in terza fila…
    ovviamente gli ac/dc sono stati unici, un evento che non dimenticherò mai! Una settimana fa è stata la giornata più bella della mia vita! E Vasco rimane una m**** :-)

    • antonello says:

      Ottima recensione, purtroppo qualche accortezza in più nell’organizzazione non avrebbe fatto male a nessuno! …ad esempio i cannoni dell’acqua erano solo all’ingresso vicino ai cancelli ed in fondo il paddock, a noi poveri fans sfegatati che eravamo nelle prime fila ci schizzavano l’acqua con le bottigliette!!! ahahaha va bè….comunque è una figata, questi sono i concerti, avrei fatto altre ore di attesa sia per entrare che per uscire, nonostante abbia pagato il biglietto quasi il doppio! lo rifarei altre mille volte!! comunque ad Imola ci sono stato molte altre volte anche quando ancora ci correva la F1 e posso assicurarvi che l’uscita dall’autodromo è stata sempre una tragedia, purtroppo è un circuito “dentro la città” e le uscite sono strette e le file sono inevitabili!!! ….per il resto un saluto a tutti e AC/DC tutta la vita! \m/

  2. Ice-Nick says:

    Condivido quasi tutto quello che è stato detto ma, dopo averli visti in diverse occasioni devo, ad onor del vero fare qualche riflessione…
    Angus immenso e mi ha davvero stupito… Molta sostanza… Un vero trascinatore!
    Ma Slade è l’ombra dello Slade di Donnington e su diversi pezzi è stato a dir poco imbarazzante. Quasi che qualcuno gli avesse chiesto di suonare “alla Phil Rudd” cosa che lui non sa assolutamente fare. Rock’N Roll Train direi che è stata la peggiore del lotto assieme a Hells Bells… A parte questo, Stevie sarà pure integrato ma si sente eccome la mancanza di Malcolm: la ritmica non è più così incisiva e rocciosa e credo sia anche questo il motivo per cui Angus ha preso in mano la situazione da vero Leader cercando (riuscendoci in parte) a focalizzare più l’attenzione su di lui che sul resto della band. Brian non male, ha retto con molto mestiere nonostante voce e età non siano più dalla sua (ma già dopo Back in Black la sua voce era decisamente cambiata….).
    Cliff sempre una sicurezza: inossidabile!
    Capitolo suoni… Direi non proprio spettacolari, a cominciare proprio dalla batteria di Chris e anche a livello di amalgama non esattamente il classico muro sonoro al quale ci hanno abituati. Ma anche qui Angus ha sicuramente messo un extra per compensazione.
    Da Fan sono felicissimo di aver assistito al concerto anche se con un velo di tristezza e di rammarico perchè questa formazione è purtroppo lontana parente della micidiale macchina da guerra delle precedenti formazioni, nonostante la tecnologia, un mega impianto Martin Audio (li preferivo comunque con EV), scenografie, monitors LCD, fuochi d’artificio…
    Ancora una volta ho avuto la conferma che alcune alchimie non sono facilmente ripetibili… E non è questione di bravura o di tecnica…
    Un saluto a tutti i fan \m/

    Ice-Nick

  3. simone says:

    Recensione bella piena, complimenti. Al concerto durante il pomeriggio vi ho incontrati in parte ai bagni e mi son fermato a far due parole riconoscendovi, non sò se a memoria ti ricordi. Cambiando discorso, io ero in collina Rivazza, verso il basso, e confermo il discorso della panoramica sulla gente e le luci rosse…bellissimo colpo d’occhio!! Era il mio primo concerto degli AC/DC, dove tutto è andato a meraviglia, la tipica giornata dove và tutto a meraviglia. Mi sono divertito tantissimo, davvero molto, ore spensierate dove ho goduto davvero tanto. Grande attesa direi ripagata. Personalmente soddisfattissimo. Poi mi stà a cuore il discorso che hai fatto riguardo il vedersi il concerto dal telefonino mentre si filma. Non riesco a vedere quella distesa di smartphone in aria tutte le volte ogni canzone, non la sopporto, veramente, non lo riesco a vedere, è più forte di mè. Mi fanno innervosire tantissimo. Amo troppo la old style ai concerti, su le mani applaudire saltare e cantare. Ci si gode molto di più lo show tenendo il telefono in tasca e guardandolo normalmente
    UP YOUR HANDS…WITH SMARTPHONE IN BAGS!!

  4. Magnificent web site. Plejty of helpful information here.

    I am sending it to several pals ans additionally sharing in delicious.
    And obviously, thanks in your sweat!

Speak Your Mind

*